Pietro Catalano

Il giorno verrà presto

(Abruzzo, 6 aprile 2009)

Un’altra volta la Madre
ha ucciso i suoi figli,
inghiottendo nella notte nera
urla di dolore
e pianti e disperazione e silenzi.
Anche angeli col vestito bianco,
quella notte di sapore acre,
polvere e buio,
corpi nudi fra macerie di vita.

Lunghe fila di bare
e vesti bianche,
colore che accompagna oltre la vita
angeli ancora senza ali.
Si perde tutto in venti secondi,
la notte inghiotte respiri e sonni,
solo il latrato si sentiva soffocato
e dalla stalla muggiti disperati
orfani di latte.
Ma in questa terra, i figli
come i padri
ed i padri dei padri
tornano sempre dopo ogni temporale
a coltivare grano
tenero come sorrisi di fanciullo.

La luna grazia ora
corpi fratelli della notte,
il giorno verrà presto
ad asciugare le ultime lacrime.

Pietro Catalano (Roma)

Lascia un commento

Close